Il 3ex per i professionisti della scrittura

Una delle funzioni fondamentali e più utilizzate in qualsiasi computer è certamente la videoscrittura.

Le applicazioni per scrivere sono di diverso genere.

• Partendo dalle più semplici, abbiamo i cosiddetti text editor, come il classico Blocco Note di Windows, atti a gestire caratteri puri e semplici, senza impostazioni di paragrafo o di enfasi alcuna (anche se ci sono varianti di questi programmi in grado di compiere queste funzioni per quanto in maniera del tutto basilare). Si tratta di programmi prediletti in genere dai programmatori e non di rado sono forniti di comandi e proprietà destinate soprattutto a chi li usa per programmare.
• Passando al più complesso, troviamo i word processor. La varietà di questi prodotti è tale che abbiamo quelli inseriti in suite cosiddette “Work” e in quelle “Office” come moduli specializzati su un target allargato e statisticamente normale, come pure quelli specializzati in alcune funzioni o organizzati per talune abilità. Sia la prima categoria che la seconda si basano sulla “priorità del testo”, sia esso semplicemente registrato, oppure trattato, elaborato.
• La terza via è quella degli impaginatori, ovverosia di programmi che creano dei layout, delle sistemazioni spaziali in oggetti come la pagina o il tavolo di lavoro, per oggetti eterogenei dei quali il testo è solo una delle componenti possibili, al fine di preparare output per la pubblicazione, come manifesti, brochures, riviste, libri… Questi programmi inseriscono in delle “gabbie” oggetti preparati e gestiti da altre applicazioni fra cui gestori di immagini e disegni e, ovviamente, i text editor e i word processor. Non di rado, però, così come i word processor imitano malamente delle capacità dei programmi di DTP (Desktop Publishing è il termine inglese per designare questi programmi), anche i DTP si adattano a svolgere, anche se meno agevolmente, un ruolo di word processor un po’ ingombranti.

Dopo un preambolo generale di precisazioni come quello che precede, passando al nostro 3ex ci possiamo rendere conto che sembra non offrire nulla né riguardo alla prima categoria, ma neppure per la terza, mentre offre due soluzioni per il word processing.

Tuttavia si tratta di due soluzioni che possono non soddisfare chi cerca uno strumento agile per lo scrittore.

Il primo si basa sul word processor on line di Google (Google Documents). Come strumento è castigato, anche se comunque soddisfacente, ma soprattutto dipende dalla qualità della connessione. Che cosa succederebbe se dopo un bel po’ che state scrivendo idee geniali e scaturite di getto ispirato scoprite che il collegamento è caduto da tempo e nulla è stato salvato e è scomparso lo schermo del browser? Dire che vi mangereste le mani è poco!

Allora usate la seconda soluzione, riservandovi di portare poi tutto su gDocs. E la seconda si chiama OpenOffice.org. Questo prodotto non ha nulla da invidiare a Word, anzi, su molti punti lavora meglio; ma come quello è ingombrante, lento a partire perché deve far attivare funzioni appartenenti a tutta la suite e il suo interfaccia è tutto men che sobrio e chi lavora col testo sono tutte cose che patisce.

Quindi ecco che l’insoddisfazione può condurre ad utilizzare persino lo striminzito modulo delle note per potere usare uno strumento snello e veloce.

La prima e agile soluzione consiste nel far ricorso a KWrite. Si tratta di un’agile applicazione che fa parte del bagaglio di programmi che appartengono al Sistema Grafico KDE che fa parte di Xandros.
KWrite
È un programma molto pratico e completo per scrivere. Parte subito ed è molto pratico, fornisce tutte le funzioni possibili e immaginabili per un file di testo, compreso le impostazioni di compatibilità per altri OS. Tuttavia non consente alcuna delle funzioni che non sono praticabili in “solo testo”, come ad esempio le enfasi.
Quindi se è un editor di testo quello che serve per provarlo basta aprire il terminale (CTRL-ALT-T) e digitare semplicemente “kwrite”. Se poi si ritiene possa essere utile basta usare il launch tool come abbiamo mostrato per avere anche KWrite nel bouquet di programmi da lanciare.

Se poi si vogliono fare dei progetti che contengano più file di testo può essere comodo utilizzare uno strumento che sfrutta KWrite anche se è nato per la programmazione che si chiama Kate e che si può avviare nello stesso modo, in quanto fa parte del bagaglio di programmi di KDE.
Kate
Oppure si può impaginare e lavorare il testo usando Scribus che presentiamo più avanti.

Se invece siete degli scrittori che non possono accontentarsi di lavorare con dei semplici file di testo e non volete usare un programma pesante come il word processor di OpenOffice.org quello che fa per voi si chiama AbiWord.

Strumenti di AbiWord

Con il passare degli anni questo programma libero è diventato vieppiù preciso, veloce e perfetto. La sua interfaccia è snella ma completa e la massima soddisfazione la si ottiene usando il tasto F11 come abbiamo già detto prima.
A questo punto il vostro Asus EEE PC diventa la macchina perfetta per scrivere ovunque: un word processor a tutto schermo che lascia liberi e leggeri per scrivere per un lungo tempo senza essere disturbati da fastidiosi ladri di spazio come le barre di strumenti.

AbiWord a Schermo Intero

Come si installa AbiWord? In realtà è molto semplice. Basta aprire il terminale e digitare “sudo apt-get install abiword” e confermare i passaggi richiesti, provarlo e inserire la sua icona fra quelle del launcher.
Potrebbe darsi che questo comando non sia sufficiente per permettere l’installazione. In questo caso sarà opportuno che aggiorniate le vostre librerie di repository come descritto in questa pagina.

Lo stesso dicasi per l’installazione dell’ultimo programma che prendiamo in esame. Si tratta di un ottimo impaginatore che può essere usato sia per mettere insieme I testi preparati con I programmi precedenti, che per prepararne la redazione completa usandolo come un word processor.
Scribus, questo il nome del programma, è un programma che può essere complesso e persino controindicato per una macchina leggera come il 3ex, tuttavia potreste essere sorpresi nello scoprire che alla fine risulta essere più leggero di OpenOffice.

Scribus

La sua interfaccia non è così sobria ed efficace come quella di AbiWord, ma la sua resa è di notevole valore. Consente di preparare documenti raffinati per grafica e impaginazione e di elaborare persino delle parti di disegno. Ricorda un po’ un vecchio impaginatore come PageMaker e dei programmi di disegno facili o di presentazione.
Se il 3ex è il vostro secondo computer e ne avete uno di dimensioni maggiori da abbinargli allora forse potrete farlo lì quel lavoro. Ma se invece avete fretta e avete solo il vostro portatile per realizzare un lavoro finito e di qualità, Scribus farà sicuramente al caso vostro con estrema professionalità.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in 3ex Life

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...