Dell: dal NetBook al Notebook

Agli inizi erano i Notebook. Quelli piccoli, da 11″ a 12″, costavano più cari, anche perché erano più curati e soprattutto se ne vendevano pochi. 

Poi fu la volta dei NetBook, che costarono molto meno anche perché Asus per prima previde di venderne moltissimi. E la previsione si rivelò corretta, anche perché per la fine dell’anno nella sola Europa si stima che ne saranno venduti 4 milioni di esemplari per una copertura di mercato che solo oggi supera il 10%.

Questa quota non è però equamente distribuita, visto che le sole Asus e Acer possiedono l’80% del mercato europeo. Sui NetBook ci si stanno buttando un po’ tutti (l’ultimo annuncio di NEC), anche se all’inizio non ci aveva creduto quasi nessuno e ora pagano lo scotto del ritardo. Il mercato ora è saturo di modelli che all’apparenza sono molto, troppo simili fra di loro: tutti con le stesse porte e caratteristiche costruttive simili. A fare la differenza è più che altro il sistema operativo, anche se si assiste ad un complessivo ripiegamento su Windows. Ma, visto che le cose stanno così, a fare la differenza appare sempre più determinante la forza distributiva.

Il NetBook, più che il Notebook ha bisogno di essere visto e toccato e sono veramente pochi i modelli esposti nei negozi. Questo problema tocca particolarmente Dell che, come si sa, vende esclusivamente per corrispondenza.

La casa texana, stretta nelle maglie di una concorrenza difficile, prova a distinguersi differenziando la proposta. Lo fa con un rivolgimento che, pur sacrificando la portabilità, rappresenta una mossa indubbiamente intelligente.

Il ragionamento è più o meno questo: le case che hanno affermato il modello del NetBook hanno fatto tabula rasa dei criteri costruttivi dei Notebook. Hanno reingegnerizzato processi e materiali da zero fino ad arrivare alla soluzione ottimizzata.

Questo nuovo paradigma produttivo e di marketing è particolarmente prezioso, solo a saperlo utilizzare rinunciando agli schemi tradizionali.

In altre parole, Dell si domanda: che cosa succederebbe se utilizzassimo quello che abbiamo imparato producendo NetBook per trasformare il modo che abbiamo di produrre Notebook?

Da questa domanda nascerà probabilmente il primo Notebook netbook-like.

Ho già avuto modo di sostenere che le macchine a 10″ hanno delle dimensioni tali da poterle identificare come dei Notebook piccoli più che dei NetBook grandi.

Qui abbiamo a che fare addirittura con un 12″, ma non di quelli tradizionali: potremmo definirlo un Notebook 12 Light, l’Inspiron Mini 12″ – 1210. Light, oltre che nella dotazione che esclude parti meno “nomadi” come il lettore CD e un certo numero di porte ormai in disarmo come seriali o parallele, anche nel prezzo che non dovrebbe differire di molto dai modelli più piccoli, restando sotto i 400 euro.

Insomma una proposta simile – ma più ricca – a quella del MacBook Air. …tra un quarto e un settimo del prezzo di quello.

 

Possibile scorcio dellInspiron Mini 12 colto dal manuale di Servizio di Dell

Possibile scorcio dell'Inspiron Mini 12" colto dal manuale di servizio di Dell

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in 3ex Life

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...