Dell: perché un Mini 12″

Non capisco perché Dell si trovi in prima linea nella battaglia con PSION meritatamente scopritrice del segmento NetBook, sia nella scelta del nome che nell’individuazione del segmento (quest’ultimo merito come interpretazione originale degli avanguardisti Olivetti Quaderno e Apple Newton Communicator). Non lo capisco perché “Mini” mi sembra un buon nome: era fra l’altro il primo che avevamo usato in questo blog (li si chiamava – e li chiamiamo ancora – MiniBook).

Sta di fatto che per prima (ma altri stanno seguendo) Dell ha pensato di esportare lo standard-netbook anche al segmento, tradizionalmente tipico dei notebook, dei 12 pollici.

In molti hanno storto il naso a quest’idea, sostenendo che non era più la stessa cosa: e non avevano certo torto. Aggiungevano che anche il prezzo non faceva più concorrenza ai notebook che nei supermercati si potevano trovare a partire, appunto, dai 500 euro.

Tuttavia, il Dell Inspiron Mini 12 è qualcosa di diverso da un netbook, certo, ma anche dal classico notebook 12″. Innanzitutto per il peso (circa un chilo e 2 etti), poi per la portabilità generale, per l’ispirazione alla rete e infine per il prezzo. Già, perché se gli scatoloni a 15″ li si trova in tutti i supermercati a prezzi stracciati, i 12″ leggeri si collocano in una fascia di mercato molto più alta (mediamente dai 1000 ai 2000 euro).

L’idea del Mini 12″ è quella di una macchina essenziale, ma smart e anche cool (per usare un po’ di stereotipi anglofoni), dal prezzo allineato ai netbook di fascia medio-alta. Si parla di 429 euro, spedizione esclusa.

 

Dell Mini 12

Dell Mini 12"

È strano notare quanta poca attenzione sia stata rivolta ai netbook di Dell, ma probabilmente il tentativo della casa texana è quello di irrompere negli acquisti aziendali.

Ricordo che il Mini 9″ + uno dei MiniBook che ci ha convinto di più, grazie soprattutto alla sua pratica interpretazione dell’interfaccia di Ubuntu. 

Questo Mini viene distribuito con la scelta opzionale di Linux Ubuntu o di Windows XP (l’ultimo con un incremento di 20 euro). In più si può scegliere di adottare, per giusto 50 euro e qualche chilo in più, la batteria a 6 celle.

L’acquisto può essere perfezionato in stile Apple Store, modificando quantità di RAM e HD, combiando colori, aggiungendo adesivi, borse e garanzia.

Insomma, con il Mini 12″ Dell invita tutti a tornare ai notebook, dopo l’esperienza e le riflessioni guadagnate grazie ai netbook.

Annunci

1 Commento

Archiviato in 3ex Life

Una risposta a “Dell: perché un Mini 12″

  1. him7x

    Bhe il Dell mini 12″ a parer mio rappresenta ciò che tanti ricercano:
    -uno schermo non troppo piccolo
    -una tastiera di dimensioni “quasi” regolari.
    -un netbook molto sottile e leggero
    -ottime caratteristiche
    -un prezzo non molto elevato

    Sicuramente ne proverò uno prossimamente!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...